SLA, un'app per far parlare i malati: gli impulsi diventano parole - Repubblica.it